“Lo straordinario viaggio di Edward Tulane”

Ovviamente, titolo e copertina del libro mi hanno attirato.
“Lo straordinario viaggio di Edward Tulane” è una fiaba che si fa leggere tutta d’un fiato, la scorrevole lettura ed il contenuto a prima vista leggero ricordano che è sempre l’amore a vincere su tutto.
La premiata autrice statunitense per l’infanzia, Kate Di Camillo, propone un racconto apparentemente per ragazzi ma che, in realtà, può rientrare tranquillamente nelle letture adulte, come quei giochi di società, sulla cui scatola si legge età 8-99.
“C’era una volta, in una casa di Egypt Street, un coniglio fatto quasi interamente di porcellana. Il coniglio si chiamava Edward Tulane, era alto una novantina di centimetri dalla punta delle orecchie a quella delle zampe e aveva occhi dipinti di un azzurro acuto e penetrante. Nel complesso, Edward Tulane si riteneva una creatura eccezionale”.
Edward è l’amato coniglio di Abilene, una bambina benestante di dieci anni, che lo tratta e gli parla da suo pari, vestendolo con un raffinato guardaroba, di cui lo stesso Edward ne fa un vanto.
La vita del coniglio scorre tranquilla, Edward passa le giornate a rimirarsi nel riflesso del vetro della finestra e a “non ascoltare” tutto ciò che Abilene gli confida, fino al giorno in cui si ritrova in fondo all’oceano.
“Infine il coniglio di porcellana toccò il fondo dell’oceano, e mentre se ne stava la, con la faccia nella melma, provò la sua prima, genuina emozione, Edward Tulane ebbe paura”.
E’ solo l’inizio di un’avventura lunga anni che porterà Edward a viaggiare nei luoghi e nei propri sentimenti.
Conosce Lawrence e la moglie Nellie e diventa Susanna, a cui la dolce vecchietta confeziona abitini non certo sfarzosi come quelli che possedeva nella sua vita precedente ma “veri”.
“Era dolce la vita nella casetta verde insieme al pescatore e a sua moglie … con grande sorpresa, Edward scoprì che stava davvero ascoltando…”.
Edward vive felice fino a che… “per la prima volta, il suo cuore lanciò un grido. Due parole soltanto: Nellie. Lawrence”.
Per centoottanta giorni, il coniglio vive un secondo inferno, interrato in una discarica, fino a che Lucy, il cane di Bull, lo trova ed è così che Edward comincia una nuova avventura, con il nome di Malone; stanno bene, insieme, i tre vagabondi, viaggiano e incontrano amici.
“…Edward. Che, stupito, scoprì di cominciare a provare una profonda tenerezza per il cane”.
“E più ascoltava, più il suo cuore si apriva”.
Purtroppo, anche gli anni felici con Bull e Lucy giungono ad una separazione forzata.
“Bull, chiamò il suo cuore. Lucy”.
“Quante volte, si chiese, sarebbe stato costretto ad andarsene senza avere la possibilità di dire addio?”.
Ancora una volta, Edward si ritrova a vivere una nuova vita e ad affezionarsi a nuovi amici. Bryce lo “salva” dal ruolo di spaventapasseri per farne un regalo alla sorellina e così Edward, ora Clyde, diviene il giocattolo di una dolce e gravemente malata Sarah. “Era una strana sensazione essere stretto con tanta dolcezza eppure con tanta forza, essere guardato con tanto amore”.
Non c’è pace per Edward, che prova sempre più emozioni; in compagnia di Bryce, viene scaraventato a terra con violenza da un tizio poco raccomandabile e finisce nel negozio di un fabbricante/riparatore di bambole, al quale viene ceduto da Bryce così che il coniglio possa “rivivere”.
“Così Edward Tulane fu riparato, aggiustato, pulito e lustrato, rivestito da capo a piedi e messo in mostra su uno scaffale”.
E qui mi fermo per non svelare più di quanto ho già fatto.
Leggete questo racconto. Vi stupirete di quanta profondità ci sia in una così scorrevole lettura e vi affezionerete ad un coniglio di porcellana, per il quale proverete all’inizio tutt’altro sentimento.
“Come può una storia avere un lieto fine se non c’è l’amore?”
“Se non hai intenzione di amare né di essere amato, allora l’intero viaggio non ha alcun senso”

Stella Ponzina

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: