We’ll cross the line and dance upon the street

Ci parliamo tutti i giorni, Papà, però oggi ho deciso di scriverti; è un giorno abbastanza tranquillo (sai cosa intendo) e allora forse le Muse verranno in aiuto all’elaborazione dei pensieri che stavo articolando ieri nel mio cervellino. Qui sulla Terra sembra una normale e bella Domenica delle Palme, soleggiata e adornata da una natura... Continue Reading →

Tutto passa

Forse il piccolo sacrificio che ho imposto, loro malgrado, al mio gomito e alle mie corde vocali, ha sortito un minimo di effetto desiderato; qualche grammo/etto in meno di rumore maleducato e gratuito derivante da spostamenti di mandrie di elefanti e corse al galoppo di cavalli nella prateria del piano di sopra, dalla mancanza dell’uso... Continue Reading →

A che ora è la fine del mondo?

Invasione di cavallette in Africa, terremoti sparsi in Italia e nel mondo, uragano a Nashville, profughi siriani che fuggono dalla guerra. Non sono sufficienti queste principali quattro “piaghe d’Egitto” per rendere drammatico questo periodo. Ci vuole il botto, come da finale degno di tale nome. Ecco allora che fa il suo ingresso, alla chetichella ma... Continue Reading →

Guarda che luna!

“E’ uno spettacolo bello e delizioso vedere il corpo della luna” (Galileo Galilei) Quelle notti rischiarate dalla luna piena! La si guarda in cielo, ad una prima occhiata superficiale (troppo spesso si presta attenzione veloce e superficiale a ciò che ci circonda, ad esempio alle bellissime corolle dei fiori…) sembra un luminoso disco, un perfetto... Continue Reading →

Alla ricerca di mondi perduti

E’ sufficiente nominare la parola Atlantide per scatenare un turbinio di ipotesi sulla reale collocazione della leggendaria civiltà scomparsa. L’isola, distrutta da un evento catastrofico naturale, si trova nei fondali attorno a Santorini? Oppure nelle profondità dell’Atlantico, oltre le colonne d’Ercole, come narrava Platone? O ancora è sepolta nelle acque fredde dell’Inghilterra? Così come il... Continue Reading →

Riflessioni… virali

Come ogni mattina sono seduta sulla metro che mi porta in centro, in ufficio. Sono le otto, ma il treno è stranamente deserto. E’ "l’effetto Coronavirus". Mentre il virus, stando a quanto viene comunicato dai mezzi di informazione, si sta diffondendo a macchia d’olio, lo sparuto manipolo di temerari e impavidi passeggeri della metropolitana è... Continue Reading →

Note…di riflessione…

  Piccola premessa della redattrice: a seguire, un articolo scritto da una cara amica che, alla fine, ha ceduto alle mie insistenze, e si è messa all’opera per fornirci il suo primo articolo su questo blog. Ne aspetto altri, cara amica. Come ogni mattina sono seduta sulla metro che mi porta in centro, in ufficio.... Continue Reading →

Venezia

Anche a voi capita di recepire odori/profumi che vi portano a ricordare un luogo o una situazione  vissuta? Non intendo un déjà-vu, non un ”già vissuto” ma semplicemente un ricordo. Ultimamente mi è successo più volte di sentire nell’aria l’odore di Venezia, dei suoi canali, della sua atmosfera. Non so descrivere ciò che recepiscono narici... Continue Reading →

Buon Anno !

Ci risiamo. Esattamente come l’anno scorso, attendo l’ultimo giorno dell’anno per augurare a voi tutti, cari amici che dedicate tempo a questo piccolo blog leggendo i miei sproloqui, un nuovo anno prospero di salute e serenità. È il solito augurio di ogni anno, ma è quello che più sento, perché tutto il resto è una... Continue Reading →

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito