L’anno che verrà

Anno Domini 2021. Un altro anno pesante è scivolato via, trascinando con sé disagio fisico per molti e mentale per tutti.Tutti gli anni sono forieri di cose belle e brutte, ad ognuno il proprio destino, qualche volta ridente e qualche altra volta sofferente, ma come si è già detto gli ultimi due anni sono stati... Continue Reading →

La seconda vita di Missy Carmichael

Come dico sempre, sono una cinofila e non una cinefila. Ciò non toglie che qualche volta riesca a godermi la visione di un buon film (ultimamente mi succede molto di rado, ho bisogno di leggere).Per me, un buon film è un film che racconta di vita e sentimenti. Posso anche vedere un thriller adrenalinico, un... Continue Reading →

It’s Christmas time

Eccoci ancora qui, Papà.Ormai sono diventati un appuntamento fisso, gli auguri sul blog. Non che tu abbia bisogno di leggerli su carta; a proposito, grazie per averci messo lo “zampino”, ne sono sicura, affinché mi godessi due ore di quasi spensieratezza a Padova e Brescia.Nulla di nuovo sul pianeta Terra, finalmente sono arrivati i vaccini... Continue Reading →

A riveder la Stella

Tornavo da Padova, l’autostrada buia era rischiarata da TIR illuminati come fossero alberi di Natale (a tema) e nel cielo dei colli vicentini brillavano le stelle, che mi guidavano nel viaggio di ritorno verso casa.Ascoltavo, mixati nel cd, quarant’anni della musica che mi ha accompagnato nella vita, e mi passavano davanti tutti gli attimi che... Continue Reading →

“I quaderni botanici di Madame Lucie”

“La serratura arrugginita oppone resistenza. L’uomo deve forzare, togliere la chiave, riprovare. Anche qui fa terribilmente caldo. Non come in città o in pianura, ma comunque caldo. La temperatura sfiora i trenta gradi. L’uomo sbuffa, sembra riflettere un secondo, quindi dà una leggera spallata alla porta, girando contemporaneamente la chiave. Un clic: il pesante battente... Continue Reading →

Just a cup of tea

Diciotto agosto, pausa pranzo, sgranchisco le gambe lungo le vie semideserte attorno all’ufficio.L’intenzione è di arrivare alla libreria del vicino centro commerciale, ed inspirare a pieni polmoni storie su carta.E anche guardare, ma non comprare, penne di tutti i tipi per riempire un ipotetico astuccio. Come quando si andava a scuola, come quando carta e... Continue Reading →

“La rilegatrice di storie perdute”

“Life goes on”, mi disse John fuori dalla sua casa di Hampstead - NW3 London, in un ormai lontanissimo luglio di più di vent’anni fa.L’argomento discusso era leggero, seppure “drammatico” per me, per le Sacerdotesse, per migliaia di fan, per gli stessi John & co.A maggior ragione, la frase è d’uopo di questi tempi, e... Continue Reading →

Mi è sembrato di sentire un rumore

Nel lontano 1974 Raffaella Carrà cantava “Rumore”, una delle sue canzoni che preferisco, carica, forte, ritmata.Il testo è intriso di tanti “na na na” e senza troppe pretese letterarie, se ricordo.Che effetto vi fa, il rumore? Non ne siete infastiditi?Quando si parla di rumore, si pensa come prima cosa al fastidio provocato da decibel troppo... Continue Reading →

This is the sound of my soul

Quando compare nella mente un pensiero, che voglio mettere per iscritto, devo prendere subito carta e penna e scrivere, ma non sempre è possibile.L’ispirazione la trovo “per strada”, mentre vivo l’attimo, l’esperienza, l’evento. Qualsiasi esso sia.Ieri, 13 settembre 2021, è stato il giorno della “rinascita”, dell’illusione del ritorno alla vita senza covid.Come le belle cose,... Continue Reading →

“La lettrice della stanza 128”

Ogni lettore ha il proprio modo per godersi una lettura: su un comodo e caldo divano in un pomeriggio invernale; appoggiato all’amichevole tronco di un albero in un prato assolato; sul bordo interno di una finestra sorseggiando una rilassante tisana; sotto l’ombrellone tra granelli di sabbia volanti e vocii vari.Poi c’è il criterio di lettura:... Continue Reading →

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito