Bergamo e dintorni

Amo la città di Bergamo, ”di sotto” e “di sopra”.
È una città ricca di arte e cultura, una delle città con più edifici storici di una bellezza impressionante. Ogni centimetro quadrato della città alta è un monumento a cielo aperto, la via principale è in assoluto tra le più belle vie del mondo, per me.
E Piazza Vecchia, dietro cui si celano la Cattedrale di Sant’Alessandro, la Basilica di Santa Maria Maggiore e la Cappella Colleoni, è indescrivibile.
Il top per i fotografi, diurni e notturni.
La foto notturna è assicurata, perché non possono mancare una cena ed una passeggiata attraverso molteplici meraviglie culturali e paesaggistiche, dove i colli bergamaschi, dolci e illuminati, sono letteralmente la ciliegina sulla torta.
Chissà se questo mio amore per Bergamo e tutta la sua provincia è influenzato dal quel quarto di sangue bergamasco che scorre in me.
Fa parte della città, la Val d’Astino; ai margini della confusione cittadina, sembra di entrare in una valle incantata. Vi si trova una sezione dell’orto botanico di Bergamo ed un ex monastero, ma soprattutto si è circondati da dolci colline con ville e casette da fiaba.
Vale la pena farci un giro.
Bergamo è il punto di partenza per raggiungere tutte le località della provincia, dai castelli della pianura fino alle cime dolomitiche della Presolana, dal turistico lago di Iseo alle miniere di ferro della Valle di Scalve.
Non posso recensire ogni singola località; cercherò di sintetizzare l’essenza della provincia, suggerendone qualche meta.
La pianura bergamasca è ricca di castelli da visitare; imperdibile è il Castello di Malpaga, costruito nel 14° secolo e dimora del grande condottiero Bartolomeo Colleoni nel 15° secolo.
Più informazioni, su tutti i castelli della zona, potete recuperarle all’indirizzo  Visitbergamo
Se vogliamo lasciare la pianura per dirigerci verso i monti, non ci resta che scegliere la valle che più fa al caso nostro.
Si può raggiungere la vicina Valle Imagna, che ancora non conosco, oppure percorrere la più famosa Valle Brembana, terra di Arlecchino e dei Tasso, percorrendo la s.p. 26 che scorre a fianco del fiume Brembo e saluta la di altri tempi famosa e signorile San Pellegrino (con i suoi edifici in stile Liberty), la storica San Giovanni Bianco (con la frazione di Oneta che ha dato i natali alla maschera di Arlecchino), Cornello dei Tasso (“Uno dei borghi più belli d’Italia” e luogo originario dei Tasso, ideatori del Servizio Postale), Branzi (patria dell’omonimo formaggio) e Carona, quest’ultima con il suo lago ed i sentieri da cui partono varie escursioni, tra cui la via verso il rifugio Laghi Gemelli.
Dall’alta Valle Brembana, attraverso il passo di San Marco si raggiunge la Valtellina. Purtroppo non sono in grado di narrarvi di quest’ultimo tratto, ancora a me sconosciuto.
Tra le tante valli, più o meno famose, troviamo la verde e dolce Val Seriana, la mia preferita.
Capoluogo della valle è Clusone, piacevole città a 650 metri d’altitudine, scrigno di palazzi storici, ville e importanti monumenti quali l’orologio astronomico del Fanzago nella bella Piazza Dell’Orologio o la maestosa Basilica introdotta da una scenografica scalinata che conduce anche all’Oratorio dei Disciplini ed alla sua famosa facciata raffigurante una Danza Macabra del 15° secolo. La visita alla città è tappa obbligata e sicuramente pensiero per un ritorno.
La valle prende il nome dal fiume Serio, e la s.p. 35 conduce agli ospitali paesi attorno al massiccio della Presolana, affascinante dolomite in terra lombarda, quali Castione e Bratto/Dorga.
Veloce e semplice escursione da intraprendere dal Passo della Presolana è il sentiero del Salto degli Sposi. Sul luogo potrete informarvi sulla storia che ne ha determinato il nome.
Allungando un po’ il tragitto automobilistico si può raggiungere la Val di Scalve, terra di miniere e dolomia, il cui territorio e Schilpario, a me ancora poco conosciuti, meritano una visita.
Altre due località, che mi sembra corretto citare, sono Selvino ed il suo ridente altopiano e Serina (terra natale del pittore Palma il Vecchio), meno mondana ma con edifici storici che ne ricordano la ricchezza dell’epoca passata.
Territorio d’acqua, la provincia bergamasca; ricca di fiumi e di un lago che vanta la più grande isola lacustre europea – Montisola – e due amene località ai vertici opposti: Lovere a nord e Sarnico a sud (passando per Iseo, sulla sponda bresciana).
Sarnico è una vivace cittadina che offre diversi eventi quali mercatini e mostre mentre Lovere, circondata dalle montagne, è molto “fotogenica” ed è “Uno dei Borghi più belli d’Italia”.
A tema acqua, devo citare anche la molto apprezzata Val Vertova, ed i suoi sentieri, per tutti i tipi di escursionisti, ricchi di cascate e rii. Manca ancora la spunta sul mio taccuino, ma la sto studiando.
Tornando a valle, non posso non citare Sotto il Monte, quasi al confine con la provincia di Lecco e luogo natale di Papa Giovanni XXIII. Una semplice gita di poche ore che rilassa cuore e mente, visitando la casa che ha visto le origini del Papa Buono e della sua famiglia, e imparando a conoscere il mondo contadino bergamasco dei tempi passati (un po’ come rivedere “L’albero degli zoccoli”, capolavoro di Ermanno Olmi).
I miei sentimenti verso questa provincia sono forti e consacrati da anni di militanza lungo le sue strade, ma non è sicuramente per questo mio legame, che potrebbe sembrare parziale, che suggerisco a chi non conosce questo territorio (“agevole” e vicino a Milano) di iniziarne la frequentazione. Ne diventerà una piacevole abitudine.

Stella Ponzina

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Inizia ora
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: